CONSIGLI OTTOBRE ’18

Durante questa stagione di cambiamenti climatici, anche le funzioni fisiologiche e metaboliche dei nostri amici subiscono delle modifiche per meglio adattarsi alle variazioni delle temperature sempre più rigide avvicinandosi al inverno, è quindi consigliabile adottare alcuni accorgimenti per favorire la transizione e mantenere il nostro cane in salute. Se il nostro compagno è giovane ed abituato a trascorrere parecchio tempo in giardino assecondate tranquillamente le sue inclinazioni fornendogli comunque la possibilità di ripararsi al coperto in caso di pioggia, condizione che non preclude necessariamente una passeggiata ma ricordatevi di asciugare il cane se si è bagnato durante il tragitto per evitargli dei raffreddamenti, facilmente trattabili con ECHINACEA quando colpiscono le alte vie respiratorie; anche le escursioni termiche tra i giorno e la notte possono  generare raffreddori o diuresi eccessiva, risolvibili con RENODREN. In autunno il cane fa la muta e risulta fondamentale spazzolarlo con regolarità, tende inoltre a ridurre gradualmente la sua attività fisica spontanea, per questo è importante che voi lo manteniate attivo con camminate compatibili con la sua età, lo stato di salute ed il meteo. Vanno fatti alcuni adattamenti al alimentazione meno ricca di grassi per evitare che aumenti eccessivamente di peso a causa della minor attività fisica, ma più calorica durante l’inverno se vive fuori casa per aiutarlo a proteggersi dal freddo lasciandogli sempre acqua a disposizione meglio se in una zona riparata. Avvicinandosi al inverno le temperature più rigide condizionano la mobilità dei soggetti affetti da patologie articolari  rendendo difficile la deambulazione dei cani più anziani, un integrazione condro-protettiva va sempre valutata potete scegliere tra ARTRO3 o ARTROCOMBI in base alla gravità della problematica articolare. Tutti questi cambiamenti tendono ad sovraccaricare le funzioni epatiche, quindi la giusta integrazione HEPADETOX per i soggetti giovani e DESMODIO per quelli più anziani è la strada migliore per aiutare il fegato del tuo cane a svolgere correttamente i numerosi compiti necessari per l’adattamento alla fase autunnale preambolo di quella invernale.

Gastriti e ulcere colpiscono i cavalli in attività scuderizzati mentre non affliggono quasi mai quelli che hanno la possibilità di stare a paddock o sono in pensione, analizziamo i sintomi, le cause più frequenti e i possibili rimedi. I sintomi più comuni di queste patologie sono crampi, dolori, inappetenza o continua necessità di ingerire qualcosa per tamponare la sensazione di bruciore percepita qualche ora dopo aver mangiato tanto che alcuni cavalli, non trovando nient’altro mangiano le proprie feci, disturbi digestivi spesso associati a diarrea o presenza di sangue nelle feci. Le cause più diffuse di gastriti e ulcere sono: alcuni parassiti intestinali, infiammazioni irritazioni o infezioni trascurate, carenza di vitamina B12 speso riconducibile  ad un alimentazione inadeguata o sbagliata, ansia o stress. Se la parassitosi ha determinato un infiammazione delle muscose gastro-intestinali si dovrà  sverminare il cavallo con WORMLESS, potete guardare il nostro video che spiega come farlo, prima di somministrare GASTROLIFE  dalle proprietà lenitive e antinfiammatorie in grado di proteggere le mucose gastriche ed intestinali, accelerando i processi di cicatrizzazione. Il delicato apparato digerente del cavallo si è sviluppato per un’ingestione regolare di cibo durante il giorno, per questo motivo la suddivisione in poche razioni giornaliere può generare problemi allo stomaco; in questo caso oltre alla somministrazione di GASTROLIFE, va sempre valutato un cambio di alimentazione sia per qualità del cibo che per numero di somministrazioni magari lasciando sempre a disposizione del soggetto del fieno o della paglia da mangiare tra un pasto e l’altro. Di fronte a irritazioni, infezioni e carenze vitaminiche generate da difficoltà di assimilazione o da un alimentazione inadeguata, a volte capita con soggetti che hanno sviluppato intolleranze ad alcune sostanze, oltre a valutare il cambio di mangime la razione va integrata con il prodotto gastrico specifico GASTROLIFE associato ad EQUIFLORA che aggredisce le colonie degli entero batteri nocivi fornendo gli elementi in grado di rigenerare la flora intestinale, permettendo una migliore assimilazione della razione alimentare. Alcuni soggetti sensibili sviluppano problemi gastrici come conseguenza dell’incapacità di gestire l’ansia e lo stress spesso collegati al attività sportiva, in questo caso GASTROLIFE ottiene ottimi risultati se somministrato con EQUINOSTRESS rilassante ed ansiolitico migliora l’adattabilità e la risposta del cavallo alle situazioni stressanti. Ricordate che alla base di una giusta diagnosi delle possibili cause del problema di stomaco del cavallo ci deve essere sempre una buona osservazione dell’animale per riscontrare eventuali cambiamenti di atteggiamento.

Questi sono i primi consigli del mese di Ottobre tramite il servizio WhatsApp, i prossimi saranno caricati nelle prossime settimane e disponibili anche sulla nostra pagina Facebook ed il nostro canale YouTube qualora foste interessati ad usufruire di questo servizio vi ricordo che è sufficiente inviare un messaggio tramite WhatsApp al seguente numero 3356221932. Per ricevere correttamente le informazioni ed i video il numero deve essere memorizzato tra i vostri contatti. Oppure potete iscrivervi alla nostra news-letter inviandoci una email a info@icavallidelsole.it con il vostro Nome Cognome esprimendo il consenso al iscrizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *