TUTTI I CONSIGLI DEL 2018

Questi sono i consigli forniti durante tutto l’anno 2018 tramite il servizio WhatsApp, disponibili anche sulla nostra pagina Facebook ed il nostro canale YouTube qualora foste interessati ad usufruire di questo servizio vi ricordo che è sufficiente inviare un messaggio tramite WhatsApp al seguente numero 3356221932. Per ricevere correttamente le informazioni ed i video il numero deve essere memorizzato tra i vostri contatti. Oppure potete iscrivervi alla nostra news-letter inviandoci una email a info@icavallidelsole.it con il vostro Nome Cognome esprimendo il consenso al iscrizione.
TUTTI I CONSIGLI PRESENTI IN QUESTO ARTICOLO NON SOSTITUISCO IL CONSULTO DEL VETERINARIO
Gennaio 

I cavalli non sono gli unici animali sportivi della famiglia, un altro amico peloso di taglia più piccola è un campione, il tuo cane. I cani che svolgono attività sportive consumano molta energia anche durante gli allenamenti di tutti i giorni, si possono aiutare integrando la loro alimentazione con prodotti appositamente studiati per migliorare la funzionalità muscolare e la resa atletica come MUSCLE, disponibile su richiesta, e proteggere le strutture articolari sottoposte a grande stress e sforzo come ARTRO 3 il supporto ideale anche per il cane anziano che presenta articolazioni in fase degenerativa a causa dell’età.

I tendini del cavallo sono una struttura delicata e fondamentale per il movimento e la carriera agonistica di quest’animale, per questa ragione quando si parla di tendini è sempre meglio parlare di prevenzione. Come di può salvaguardare la loro salute oltre a adottare un metodo di lavoro rispettoso, usando quotidianamente in scuderia dei prodotti di qualità, efficaci e pratici. PERFORMANCE GEL prima del lavoro attiva la circolazione sanguigna senza irritare, migliorando la funzionalità dei tendini e il movimento dell’animale riducendo i rischi di lesioni. DRENOGEL grazie ai numerosi oli essenziali che contiene è defaticante, lenitivo, rinfrescante. DREN ARGIL argilla naturale arricchita da oli essenziali che ne aumentano le proprietà drenanti, defaticanti e lenitive di dolori ed infiammazioni, è l’ideale dopo lavori intensi o nei giorni di gara.

Il mal di schiena può essere un grosso problema per il cavallo che ne soffre, limitandone il movimento e la resa atletica. Nel video che segue analizziamo le cause più comuni che lo possono scatenare, indicandovi come riconoscerle. La prossima settimana vi forniremo le soluzioni più efficaci per eliminarlo.

Febbraio 

Sono molti i soggetti che soffrono di mal di schiena, pur non manifestando in modo evidente i sintomi, questa resta una condizione che limita sia la capacità atletica che la prestazione sportiva del cavallo che ne è affetto. Diagnosticare la causa ed intervenire su di essa è l’unico modo di eliminare definitivamente il mal di schiena. Se il cavallo è disallineato o storto, vedi nostro VIDEO come riconoscere questa condizione, sarà necessaria una manipolazione associata a prodotti per eliminare dolori ed infiammazioni conseguenti alla postura sbagliata e va valutato ogni caso singolarmente. La carenza muscolare nel tratto dorsale si può risolvere con MUSCOLO per aumentare la massa muscolare o TOP MUSCOLO che migliora anche la resa muscolare. PERFORMANCE GEL scioglie la muscolatura contratta della schiena attivandone la circolazione sanguigna senza irritare la zona, da applicare prima del lavoro quotidiano va associato a una ricerca di maggior distensione dell’animale all’inizio del lavoro. Dolori e fastidi del ciclo femminile possono far assumere alle cavalle posizioni innaturali che scatenano il mal di schiena, facilmente risolvibili con YAM. Lo stesso problema lo hanno gli stalloni con il loro apparato genitale, in tal caso si sceglierà VENOOK da somministrare per via orale e EASY GEL ideale per un applicazione locale. Le contratture muscolare si trattano con TADD in presenza di forti dolori ed infiammazione, MSF COMPOSITUM per migliorare ossigenazione muscolare e smaltimento acido lattico e localmente applicando DRENOGEL. Quando è la colonna vertebrale ad essere indolenzita scegliete ARTROVITAL associato ad ARTROGEL. Se a causare il fastidio è la sella, vedi nostro VIDEO come esaminare una sella, è sempre meglio sostituirla o trovare un buon artigiano in grado di ripararla.

A volte capita che nonostante le attenzioni riservate ai tendini del vostro cavallo si possa verificare una tendinite, infiammazione, o una lesione più o meno grave del tendine. In tal caso il soggetto dovrà rimanere a riposo, è comunque possibile agire localmente e con un integratore specifico per ottimizzarne la guarigione e la ripresa dell’attività. I primi giorni in presenza di forte infiammazione e dolore si consiglia di applicare DREN ARGIL anche più volte al dì; dopo si procederà con PERFORMANCE GEL applicato con un energico massaggio per richiamare il flusso sanguigno processo necessario per favorire, migliorare ed accelerare la guarigione del tessuto tendineo; se ci troviamo di fronte ad una lesione il trattamento locale può non essere sufficiente quindi si somministrerà TENOVITAL che fornisce tutti i nutrimenti necessari ai tendini lesionati. Prestate particolare attenzione nella fase di ripresa della attività continuando con l’applicazione di PERFORMANCE GEL prima del lavoro in modo da prevenire eventuali ricadute.

L’alitosi nel cane non va mai sottovalutata perché può essere sintomo di alcuni problemi di salute da non trascurare. Il primo controllo da effettuare è quello della bocca per verificare che l’alito cattivo non sia causato da un infiammazione delle gengive o da denti guasti, il primo risolvibile con un infuso di malva e camomilla guarda il VIDEO il secondo chiedete consiglio al veterinario per dei prodotti specifici per i denti; oppure si può trattare di cattiva digestione, in tal caso è sempre opportuno valutare un cambio di alimentazione, integrando la razione con DISORDINI INTESTINALI se anche nelle feci sono presenti segnali di cattiva assimilazione o il cane soffre spesso di diarrea, scegliete SUPERLINEA se il cane è anziano perché oltre a migliorare la digestione stimola il metabolismo rallentato anche a causa dell’età.

Marzo – Aprile 

Le mollette sono dei rigonfiamenti morbidi al tatto, causati da piccoli versamenti articolari, generalmente localizzati nella zona dei nodelli o dei garretti. Possono presentarsi sia nei puledri che nei cavalli adulti; si procederà con l’applicazione locale di prodotti specifici che favoriscano la circolazione sanguigna prima del lavoro come PERFORMANCE GEL e che oltre a lenire fatica ed infiammazione aumentino il drenaggio dei liquidi come DRENOGEL dopo l’attività, mentre va fatta una distinzione sulla scelta del prodotto specifico da somministrare, nel caso di un puledro si sceglierà EQUICRESCITA per favorire e migliorare lo sviluppo del soggetto, con un cavallo adulto si opterà per l’eccellente condroprotezione offerta da ARTRO 4 .

Sia nel cane quanto nel cavallo la buona funzionalità del fegato è fondamentale per la loro salute, poiché da esso dipende più o meno direttamente il buon funzionamento di tutti gli organi dell’animale. Durante il cambio di stagione il fegato è sottoposto ad un carico di lavoro superiore per questa ragione è sempre una buona abitudine aiutarlo con dei prodotti creati per mantenerlo in salute. Parlando di soggetti giovani od adulti HEPADETOX è la scelta corretta per stimolare correttamente il buon funzionamento epatico, quando invece il cane o il cavallo è più anziano la nostra scelta sarà DESMODIO per incentivare la rigenerazione degli epatociti, condizione imprescindibile per la salute del fegato durante la fase senile della vita del nostro compagno.

Il miglior consiglio che possiamo darvi per i vostri amici a 4 zampe è usate sempre il buon senso, poiché la strada della comprensione si imbocca soltanto osservando e prestando attenzione.

Come il cucciolo anche il cane anziano necessita di alcune attenzioni particolari per poterlo mantenere in salute il più a lungo possibile come: un piccolo aiuto per il fegato durante il cambio di stagione con DESMODIO, se appare stanco svogliato con poco appetito stimola il suo metabolismo con SUPERLINEA, quando i piccoli dolori della vecchiaia iniziano a farsi sentire limitando i suoi movimenti scegli ARTRO 3 opta per ARTROCOMBI per una condroprotezione più completa se ha già avuto in gioventù problemi articolari o appartiene ad una razza predisposta a soffrire di queste patologie degenerative.

Maggio 

Alcuni cavalli possono soffrire di alito cattivo, questa condizione apparentemente solo fastidiosa, non va sottovalutata perché può essere il primo sintomo di un problema dell’apparato digerente. Di fronte ad un alitosi frequente si deve iniziare a controllare l’animale dalla bocca per escludere la presenza di ferite, irritazioni o denti guasti; dopo di che si può ipotizzare una cattiva digestione della razione alimentare risolvibile con EQUIFLORA che combattendo le colonie di entero batteri nocivi ripristina la flora intestinale aumentando e migliorando l’assimilazione del cibo ingerito. L’ultima possibilità è il cavallo che mangia le proprie feci, a volte per noia, altre per una carenza vitaminica o di oligo-elementi risolvibile con IDRATA PELLET oppure spesso è sintomo di gastriti trattabili con GASTROLIFE che grazie alle sue proprietà lenitive ed antinfiammatorie protegge le mucose gastro-intestinali accelerando i processi di cicatrizzazione di eventuali ulcere.

Nel video che segue spieghiamo con semplicità la tecnica corretta per capire se il proprio cavallo ha mal di schiena, una volta riconosciuto il fastidio resta vostra la scelta se limitarsi a trattare il sintomo oppure la causa per eliminare definitivamente il mal di schiena, aggiungiamo in coda gli altri filmati sul  mal di schiena le cause ed i rimedi

Con qualche accorgimento molto semplice potete aiutare il vostro cane a fare la muta del pelo; pettinarlo con regolarità è il primo passo il secondo è adeguare l’alimentazione alle nuove esigenze di questo periodo, la soluzione più semplice è PELO & BELLEZZA che contiene tutti i nutrienti necessari, in particolare le vitamine del gruppo B, indispensabili per la sintesi della biotina a sua volta basilare per la rigenerazione di cute, unghie e pelo.

Giugno 

Quando il cambio di stagione è repentino i cavalli più anziani faticano ad adattarsi velocemente alle variazioni di temperatura e a sostituire il pelo invernale con quello estivo; quindi quello invernale inizia a cadere a ciocche lasciando scoperte delle zone di cute dove quello estivo tarda a ricrescere. Di per se la condizione non risulta eccessivamente preoccupante poiché non si tratta di una vera patologia ma di un segnale che il metabolismo del cavallo è fisiologicamente rallentato dall’età avanzata con un conseguente abbassamento delle difese immunitarie cutanee che non permettono più all’organismo del cavallo anziano di rispondere tempestivamente con il cambio del pelo. Possiamo aiutare il nostro cavallo spazzolandolo, operazione che agevola la perdita del pelo alleviando la sensazione di prurito data dal pelo che cade con difficoltà ed evitando che l’animale vada a grattarsi contro un albero o un recinto con il rischio di procurarsi delle ferite da sfregamento. Dopo applicheremo localmente sulle zone esposte PRUCICATREX per lenire il prurito, stimolare la ricrescita nutrendo e proteggere la cute anche dagli insetti. Se anche l’anno scorso il cavallo ha manifestato queste difficoltà è necessario somministrargli EQUIDERMA per calmare il prurito, smaltire le tossine migliorando l’azione del fegato, organo fondamentale per il cambio del pelo, nutrire e rimineralizzare la cute favorendo la ricrescita del pelo.

Assieme al sole, il caldo e le vacanze arrivano anche tutte le problematiche della bella stagione come gli insetti che colpiscono i cavalli che trascorrono molto tempo in paddock o i soggetti che hanno la cute particolarmente sensibile, procurandogli delle vere e proprie ferite nelle zone dove la cute del cavallo è delicata e protetta da meno pelo come al interno di cosce e gomiti o lungo la linea addominale in corrispondenza dell’ombelico. Per ovviare a questo fastidioso inconveniente si possono utilizzare PRUCICATREX che grazie ai suoi oli essenziali cicatrizzanti, antisettici, emollienti proteggerà la cute nutrendola ed agevolandone la guarigione mantenendo assieme a NATURAL SPRAY lontano moscerini e pappataci, l’efficacissimo spray repellente che potete utilizzare su tutto il corpo del animale. Se questi insetti molesti hanno procurato un’irritazione agli occhi del cavallo potete fare degli impacchi con un infuso di malva e camomilla, trovate la ricetta nel secondo video, e fate indossare la maschera al vostro amico quando lo lasciate libero. Nel caso il vostro cavallo abbia già avuto dermatiti da insetto vi consiglio di consultarci per il trattamento preventivo di questo problema.

Quando arriva l’estate dobbiamo ricordarci che i cani non sudano come noi, la loro termoregolazione avviene principalmente attraverso la respirazione effettuata con la bocca aperta quindi il buonsenso ci porta ad adottare alcuni accorgimenti per non fargli soffrire troppo il caldo ed evitare le terribili conseguenze di un colpo di calore. Non lasciare mai il cane chiuso nel auto parcheggiata al sole ma neanche quando è al ombra. Non tosate il pelo del cane, perché funziona da isolamento nei confronti del caldo mantenendo la temperatura cutanea più bassa. Lasciargli sempre a disposizione acqua fresca e pulite con maggior frequenza le ciotole per evitare la formazione di alghe o che le zanzare vi depongano le uova. Non fate passeggiate durante le ore più calde del giorno anche perché il cemento e l’asfalto scaldati dal sole estivo possono procurare bruciature ai polpastrelli del cane e limitate le attività particolarmente stressanti o impegnative. Se dovete uscire di casa non lasciateli su terrazzi o terrazzini ma piuttosto in una stanza fresca e ventilata, se avete un giardino è importante che ci sia una zona di ombra dove il cane si possa riparare. Valutate se portarlo in spiaggia nel caso non scordatevi l’ombrellone la ciotola dell’acqua per farlo bere spesso e rinfrescategli più volte zampe testa e pancia senza dimenticare che anche la sabbia nelle ore più calde può procurare danni ai polpastrelli del cane. Da qualche anno ci sono in commercio i tappetini rinfrescanti che se utilizzati correttamente sono una buona soluzione per l’afa estiva. I cuccioli fino a 6 mesi, i cani anziani, quelli in sovrappeso, con malattie croniche disturbi respiratori o brachicefali soffrendo il caldo più degli altri necessitano di maggiori attenzioni; quindi nel dubbio trattateli come fareste con dei bambini piccoli. I conclusione il miglior con consiglio per trascorrere una buona estate con i vostri migliori amici a 4 zampe è
USATE SEMPRE IL BUON SENSO E NON ABBANDONATELI, LORO NON LO FAREBBERO MAI CON VOI

Luglio – Agosto

Valutare il prodotto migliore da scegliere per le specifiche esigenze di reidratazione del proprio cavallo è semplice seguendo i consigli del video che segue; IDRATA PELLET soddisfa le esigenze quotidiane per efficacia, facilità di somministrazione che evita qualsiasi spreco grazie alla super appetibilità; EQUIDRATA durante i giorni di gara è la soluzione migliore anche prima del barrage perché biodisponibile in tempi rapidissimi evita i cali di prestazione dovuti a stanchezza o eccessiva sudorazione; se invece preferite la formulazione in pasta orale REIDRATA HORSE fa per voi

La nostra azienda è contro l’abbandono degli animali, per promuovere ed incentivare la cultura del rispetto abbiamo realizzato un video con i nostri amici cani come protagonisti

Ci sono alcuni accorgimenti che sarebbe consigliabile adottare durante il periodo estivo per salvaguardare la salute del cavallo, oltre al buonsenso che dovrebbe spingerti ad evitare attività nelle ore più calde. Controllare acqua e cibo, scegliendo magari prodotti naturali e poco lavorati come ad esempio PASTONE o PASTONE ESTIVO è sempre un buon inizio. Per il cavallo sportivo sono ugualmente importanti sia i reidratanti che i prodotti per l’acido lattico come MSF COMPOSITUM comodissimo per un utilizzo quotidiano, MSF o EQUILACTIC per una somministrazione mirata durante le competizioni.

Settembre
I cani a pelo raso o corto spesso presentano delle formazioni prive di pelo ad altezza dei gomiti degli arti anteriori, comunemente chiamate calli. Questi calli presentano un inspessimento cutaneo che determina l’impossibilità del pelo a ricrescere nelle zone coinvolte, oltre ad essere antiestetici tendono a seccarsi e spaccarsi generando ferite sanguinanti e dolorose per l’animale. PRUCICATREX risulta un ottimo rimedio per i calli del cane grazie ai suoi oli nutrienti, lenitivi e balsamici che gradualmente riduco lo spessore della cute favorendo la ricrescita naturale del pelo, come potete osservare dal filmato che segue in cui sono evidenti i progressivi miglioramenti con un trattamento regolare del callo con PRUCICATREX.

Durante la bella stagione i cavalli vengo lasciati nei paddock comuni molto spesso, quindi la possibilità di contrarre una parassitosi intestinale pascolando dove anche altri soggetti possono defecare aumenta considerevolmente rispetto al resto dell’anno. Nel video che segue vi spieghiamo passo dopo passo come sverminare correttamente un cavallo dal riconoscere i sintomi più frequenti, a come e quante volte somministrare il vermifugo e quale tipo scegliere,  WORMLESS PLUS è un eccellente scelta proprio per i suoi ingredienti naturali e la sua straordinaria efficacia.

La sobbattitura o contusione soleare è un trauma del piede del cavallo causato da sassi o altri oggetti ,che interessa i tessuti interni della suola, è quasi sempre a carico degli anteriori, che sopportano la maggior parte del peso dell’animale, ma può colpire anche i posteriori; a seconda della gravità della lesione provocata, la sobbattitura può variare da un emorragia che colora la superficie del corno, fino alla formazione di siero al sotto del corno, che a causa della difficoltà di riassorbimento dovuta alla struttura dello zoccolo, può anche infettarsi con formazione di pus, situazione che risulta estremamente dolorosa per il cavallo. Non esiste una vera e propria prevenzione se non lavorare il cavallo su un terreno adatto con una buona ferratura fattori che non escludono la possibilità di incorrevi comunque. Chi di voi ha già affrontato questo problema sa che è fondamentale intervenire non appena il cavallo manifesta i sintomi di una sobbattitura, un evidente zoppia con il cavallo che non appoggia lo zoccolo a terra o l’animale che pur non essendo zoppo cammina appoggiando il piede con evidente attenzione e lo zoccolo al tatto risulta più caldo degli altri 3, cosa dovreste sempre tenere in scuderia per intervenire tempestivamente in caso di sobbattitura ed evitare conseguenze peggiori? MCHOOF studiato per l’applicazione sotto la suola toglie subito dolore ed infiammazione riducendo il trauma grazie a tutti gli oli essenziali che penetrano attraverso la suola; sulla parete esterna applicherete DREN ARGIL per diminuire ulteriormente dolore e infiammazione. In caso di necessità potete arrangiarvi con altri metodi casalinghi se non avete MCHOOF e DREN ARGIL, come un impacco con i semi di lino offrono un po’ di sollievo ma non risultano così efficaci. Se non siete riusciti ad intervenire subito e si è creato siero con pus, che a volte riesce a drenare naturalmente altre è necessaria un incisione per permetterne la fuoriuscita disinfettate il foro senza mai occluderlo e continuate con l’applicazione di DRENARGIL per agevolare il drenaggio del liquido infetto.

Ottobre
Durante questa stagione di cambiamenti climatici, anche le funzioni fisiologiche e metaboliche dei nostri amici subiscono delle modifiche per meglio adattarsi alle variazioni delle temperature sempre più rigide avvicinandosi al inverno, è quindi consigliabile adottare alcuni accorgimenti per favorire la transizione e mantenere il nostro cane in salute. Se il nostro compagno è giovane ed abituato a trascorrere parecchio tempo in giardino assecondate tranquillamente le sue inclinazioni fornendogli comunque la possibilità di ripararsi al coperto in caso di pioggia, condizione che non preclude necessariamente una passeggiata ma ricordatevi di asciugare il cane se si è bagnato durante il tragitto per evitargli dei raffreddamenti, facilmente trattabili con ECHINACEA quando colpiscono le alte vie respiratorie; anche le escursioni termiche tra i giorno e la notte possono  generare raffreddori o diuresi eccessiva, risolvibili con RENODREN. In autunno il cane fa la muta e risulta fondamentale spazzolarlo con regolarità, tende inoltre a ridurre gradualmente la sua attività fisica spontanea, per questo è importante che voi lo manteniate attivo con camminate compatibili con la sua età, lo stato di salute ed il meteo. Vanno fatti alcuni adattamenti al alimentazione meno ricca di grassi per evitare che aumenti eccessivamente di peso a causa della minor attività fisica, ma più calorica durante l’inverno se vive fuori casa per aiutarlo a proteggersi dal freddo lasciandogli sempre acqua a disposizione meglio se in una zona riparata. Avvicinandosi al inverno le temperature più rigide condizionano la mobilità dei soggetti affetti da patologie articolari  rendendo difficile la deambulazione dei cani più anziani, un integrazione condro-protettiva va sempre valutata potete scegliere tra ARTRO3 o ARTROCOMBI in base alla gravità della problematica articolare. Tutti questi cambiamenti tendono ad sovraccaricare le funzioni epatiche, quindi la giusta integrazione HEPADETOX per i soggetti giovani e DESMODIO per quelli più anziani è la strada migliore per aiutare il fegato del tuo cane a svolgere correttamente i numerosi compiti necessari per l’adattamento alla fase autunnale preambolo di quella invernale.

Gastriti e ulcere colpiscono i cavalli in attività scuderizzati mentre non affliggono quasi mai quelli che hanno la possibilità di stare a paddock o sono in pensione, analizziamo i sintomi, le cause più frequenti e i possibili rimedi. I sintomi più comuni di queste patologie sono crampi, dolori, inappetenza o continua necessità di ingerire qualcosa per tamponare la sensazione di bruciore percepita qualche ora dopo aver mangiato tanto che alcuni cavalli, non trovando nient’altro mangiano le proprie feci, disturbi digestivi spesso associati a diarrea o presenza di sangue nelle feci. Le cause più diffuse di gastriti e ulcere sono: alcuni parassiti intestinali, infiammazioni irritazioni o infezioni trascurate, carenza di vitamina B12 speso riconducibile  ad un alimentazione inadeguata o sbagliata, ansia o stress. Se la parassitosi ha determinato un infiammazione delle muscose gastro-intestinali si dovrà  sverminare il cavallo con WORMLESS, potete guardare il nostro video che spiega come farlo, prima di somministrare GASTROLIFE  dalle proprietà lenitive e antinfiammatorie in grado di proteggere le mucose gastriche ed intestinali, accelerando i processi di cicatrizzazione. Il delicato apparato digerente del cavallo si è sviluppato per un’ingestione regolare di cibo durante il giorno, per questo motivo la suddivisione in poche razioni giornaliere può generare problemi allo stomaco; in questo caso oltre alla somministrazione di GASTROLIFE, va sempre valutato un cambio di alimentazione sia per qualità del cibo che per numero di somministrazioni magari lasciando sempre a disposizione del soggetto del fieno o della paglia da mangiare tra un pasto e l’altro. Di fronte a irritazioni, infezioni e carenze vitaminiche generate da difficoltà di assimilazione o da un alimentazione inadeguata, a volte capita con soggetti che hanno sviluppato intolleranze ad alcune sostanze, oltre a valutare il cambio di mangime la razione va integrata con il prodotto gastrico specifico GASTROLIFE associato ad EQUIFLORA che aggredisce le colonie degli entero batteri nocivi fornendo gli elementi in grado di rigenerare la flora intestinale, permettendo una migliore assimilazione della razione alimentare. Alcuni soggetti sensibili sviluppano problemi gastrici come conseguenza dell’incapacità di gestire l’ansia e lo stress spesso collegati al attività sportiva, in questo caso GASTROLIFE ottiene ottimi risultati se somministrato con EQUINOSTRESS rilassante ed ansiolitico migliora l’adattabilità e la risposta del cavallo alle situazioni stressanti. Ricordate che alla base di una giusta diagnosi delle possibili cause del problema di stomaco del cavallo ci deve essere sempre una buona osservazione dell’animale per riscontrare eventuali cambiamenti di atteggiamento.

I cavalli  impiegano al in circa 2-3 settimane per adattarsi alle nuove temperature autunnali che generano delle modifiche nelle funzioni organiche e metaboliche del animale che iniziano quasi subito a cambiare il pelo, da qui l’annosa questione se tosare o no l’animale, scelta che dipende anche dal tipo di attività svolta durante le due stagioni più fredde, sia che lo facciate o no, ricordatevi sempre di utilizzare le coperte, togliendo quella più pesante durante il giorno se la giornata è ancora calda rimettendola alla sera, proprio l’escursione termica tra giorno e notte può causare dei raffreddamenti occasionali, facilmente trattabili con ECHINACEA se coinvolgono le alte vie respiratorie o come prevenzione per innalzare il sistema immunitario, o OXYGENE in presenza di tosse con catarro per fluidificarlo e favorirne l’eliminazione, per prevenirli asciugate sempre bene il cavallo dal sudore prima di rimettergli la coperta da box . Inoltrandosi verso l’inverno le temperature più rigide causano un rallentamento della risposta muscolare, perciò è sempre consigliabile aumentare il tempo di riscaldamento prima di iniziare a lavorare il cavallo per evitare e prevenire lesioni, in caso di necessità si può sopperire con PERFORMANCE GEL. Consiglio utile anche in considerazione di una corretta condro-protezione poiché il freddo aumenta la viscosità del liquido sinoviale, sostanza contenuta al interno della capsula articolare che permette il corretto movimento dei capi ossei, valutate quindi anche un prodotto articolare se la salute del vostro cavallo lo richiede, potete scegliere  ARTRO4 adatto sia alla prevenzione nei soggetti giovani che al supporto articolare nei soggetti adulti. Come ultima considerazione vi ricordo che durante la transizione autunnale gli organi emuntori del cavallo, fegato e reni, sono fondamentali per gestire l’adattamento ai cambiamenti climatici, quindi la giusta integrazione per permetterne il corretto funzionamento è d’obbligo, scegliete HEPADETOX per i giovanotti e DESMODIO per i vecchietti, se questi ultimi presentassero un disequilibrio diuretico con i primi freddi è il caso di utilizzare RENODREN per regolarizzarlo.

Novembre
Ogni giorno quando prendi il tuo cavallo nel box lo trovi sempre con gli arti gonfi, questo gonfiore indica una stasi circolatoria, causata dal poco movimento o da problemi di circolazione; se hai la possibilità lascia il cavallo libero a paddock, in modo che possa aumentare liberamente il movimento favorendo il ritorno linfatico, e applica le fasce da riposo sempre con attenzione, utilizzando dei buoni feltrini e mai troppo strette. Se anche con questi accorgimenti il problema persiste trovai trattarlo con dei prodotti specifici per la circolazione: PERFORMANCE GEL tutti i giorni prima del lavoro, stimolando il circolo sanguigno il suo effetto veno tonico e veno protettore evita il peggioramento del ristagno linfatico. DRENOGEL dopo il lavoro, da applicare in tutta la zona interessata dal gonfiore, favorisce il drenaggio dei liquidi  con alleviando stanchezza, dolori e ristagno linfatico. Nei casi più gravi è necessario somministrare anche un prodotto che migliori la circolazione sanguigna e linfatica come l’Ippocastano e il Pino marittimo contenuti in VENOOK. Durante il periodo invernale anche un disequilibrio della diuresi può causare ristagni edematosi, in tal caso è consigliato l’utilizzo di RENODREN

I primi freddi possono causare raffreddamenti occasionali ai vostri cavalli, di per sé non sono nulla di preoccupante ma è fondamentale non trascurali per evitare conseguenze peggiori che possono trasformali in problemi respiratori cronici. I prodotti per trattamento di queste situazioni sono diversi come, ECHINACEA particolarmente ideale nel trattamento delle forme di raffreddamento a carico delle alte vie respiratorie, naso, bocca e gola o da somministrare in forma preventiva a quei soggetti predisposti o sensibili ai cambi di temperatura. OXYGENE il suo effetto tussifugo e broncodilatatore agevola lo smaltimento del catarro, allevia la tosse migliorando la respirazione dell’animale raffreddato. HORSE AIR è uno sciroppo ideale per ridurre la tosse, eliminare il catarro e abbassare la risposta allergica che condiziona una buona respirazione del cavallo.

Poter migliorare la condizione della muscolatura del cavallo per prevenire il mal di schiena è il sogno di ogni cavaliere, facilmente realizzabile applicando quotidianamente i consigli del video che segue. Dallo stimolare le fasce muscolari addominali per indurre il corretto portamento della schiena, al modificare la fase di riscaldamento allungandola e ricercando maggior distensione dell’incollatura nella fase iniziale del lavoro, condizione che permette la libertà di movimento al cavallo necessaria ad attivare e sciogliere tutti i muscoli quindi ridurre il rischio di contratture. Possiamo inserire anche l’applicazione di PERFORMANCE GEL che grazie l’azione stimolante della circolazione dei suoi oli essenziali che non irritano la cute si può utilizzare sulla schiena sulle articolazioni e sui tendini per un effetto “riscaldante” che attiva la zona prevenendo le piccole lesioni. Azioni semplici da attuare che vi ruberanno pochissimo tempo ma dai cui il vostro cavallo trarrà notevoli benefici.

Dicembre
Per l’ultimo consiglio del 2018 parliamo dei botti di fine anno che causano terribili spaventi ai nostri amici a 4 zampe, purtroppo è quasi impossibile cambiare le abitudini di capodanno, possiamo invece aiutare i cani ed i cavalli con COMPETITION RELAX a gestire e superare meglio la paura dei forti rumori dei botti, i suoi ingredienti diminuiscono le reazioni negative calmando la paura e l’ansia, perché sia davvero efficace in questo frangente COMPETITION RELAX deve essere somministrato come consigliato nel video, volendo il suo effetto può essere rafforzato dal utilizzo di Fiori Di Bach per la paura.

CAMBIA IL MONDO UNA CODA ALLA VOLTA significa fare qualcosa di concreto nel quotidiano non solo pronunciare belle parole in favore dell’adozione. Questa mattina mentre venivo in ufficio ho aiutato una coppia a riprendere il loro cane scappato e spaventato che vagava in mezzo alla strada con il rischio di essere investito, non ci ho pensato due volte ho accostato e messo le quattro frecce; non sono un super eroe ma so che con i piccoli gesti si può davvero fare qualcosa, per questo oggi vi racconto la storia vera di uno dei miei cani Twingo, perché se non sarai tu a cambiare il mondo una coda alla volta sarà una coda a cambiare il tuo mondo.

CAMBIA IL MONDO UNA CODA ALLA VOLTA è la nostra iniziativa di sensibilizzazione a favore dell’adozione consapevole degli animali da compagnia, vorremo ricordarvi che un cucciolo non è sempre il regalo di Natale giusto per tutte le famiglie, poiché un animale domestico è un impegno per tutta la sua vita, anche quando sarà vecchio o malato. Se siete certi di fare cosa gradita e ne avete la possibilità scegliete di non comprare un cane o un gatto ma di adottarlo, le gioie, le soddisfazioni e l’amore che vi regaleranno saranno pari a quelli di un animale di razza acquistato, ricevendo in cambio la consapevolezza di aver iniziato anche voi a CAMBIARE IL MONDO UNA CODA ALLA VOLTA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *